Manutenzione dei balconi a chi spetta?

pubblicato in: spese condominiali | 0
Share Button

Manutenzione dei balconi a chi l’onere di riparazione? 

Il tema delle riparazioni  negli edifici e le relative competenze, sono da sempre fonte di litigi tra i condomini, sia per poterle effettuare, sia a causa di chi deve poi pagare gli interventi talvolta necessari per la sicurezza dell’edificio e dei relativi condomini.

Alla normativa nazionale prevista dal codice civile e alla giurisprudenza della corte di cassazione,  bisogna poi aggiungere i vari regolamenti comunali che possono prevedere norme piu’ stringenti in  materia.

Parliamo ora di riparazione dei balconi: le norme applicabili, sono diverse a secondo della tipologia di balcone (art 1117 e 1125 codice civile). .

I  balconi possono essere  sporgenti, cosiddetti “aggettanti”,o  “incassati” e poi  bisogna anche considerare le parti decorative degli stessi.

A ognuna di queste tipologie si applica una normativa differente.

I balconi cosiddetti  aggettanti sono  quelli che sporgono dalla facciata dell’edificio, rappresentano un prolungamento del relativo appartamento; e sono quindi proprietà esclusiva del proprietario dell’appartamento. Dal punto di vista architettonico sono  costituiti da una struttura orizzontale sostenuta da solette  o a sbalzo dalla facciata, le ringhiere  possono essere in legno, ferro o pietra.balconi_aggettanti

Questo tipo di balconi   non svolgono funzione di copertura del piano inferiore, talvolta addirittura non sono presenti in tutti i piani dell’edificio.

Non avendo, quindi, funzione di copertura del piano sottostante, restano a vantaggio solo del proprietario del piano in cui si affacciano.

 A essi non è pertanto applicabile l’articolo 1125 c.c.( secondo cui le spese per la ricostruzione e manutenzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti uguali dai proprietari dei due piani l’uno all’altro sovrastanti) in quanto non svolgono alcuna funzione di sostegno dell’edificio, e di beneficio comune a tutti i condomini.

Pertanto le spese di manutenzione e riparazione sono così suddivise: il proprietario del piano superiore  ha l’onere della copertura del pavimento e l’ordinaria manutenzione dei frontali e dei parapetti, è a carico del proprietario del  piano inferiore l’intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto,

I balconi incassati   sono incassati all’interno delle mura perimetrali dell’edificio..

In questo caso avremo tre diverse competenze in caso di lavori di manutenzione, a seconda che si tratti di pavimento, soffitto, o balaustra (costituiscono balaustra  ad esempio: i cementi decorativi dei frontali e dei parapetti, le viti di ottone e i piombi ai pilastri  le aggiunte sovrapposte con malta cementizia dei balconi) .balconi incassati

Infatti, il pavimento di tali balconi è considerato prolungamento del solaio  con funzioni di separazione, di copertura e di sostegno dei piani dell’edificio ;la sua manutenzione è a carico del proprietario  dell’appartamento ove sorge il balcone. La manutenzione del  soffitto sottostante il balcone è a carico del proprietario dell’appartamento sottostante ; mentre per quanto concerne la balaustra , la stessa è da considerarsi a tutti gli effetti facciata dell’immobile pertanto a  carico di tutto il condominio secondo i millesimi di proprietà

Rientrano negli oneri comuni essendo considerati parte della facciata, e abbellimento e decorazione della stessa ,  anche  i cementi decorativi dei frontali e dei parapetti, nonché le viti di ottone e i piombi ai pilastri della balaustra, le aggiunte sovrapposte con malta cementizia dei balconi.ad essi si applica l’art. 1117 del cod. civ,  che prevede che la spesa per la loro riparazione o ricostruzione ricada su tutti i condomini, proporzionalmente al valore della proprietà di ciascuno.

    maria pietrocola        Visualizza il profilo di Maria Pietrocola su LinkedIn

Maria Pietrocola

Laurea in Giurisprudenza nel 1993  presso Università Statale di Milano.

Tesi. IN PROCEDURA PENALE COMPARATA argomento MISURE CAUTELARI IN FRANCIA E ITALIA
Terminata la pratica legale svolta PRESSO STUDIO LEGALE DONDE’ amplia la propria esperienza all’interno di Aziende che si occupano di settori diversi , dal settore Rifiuti al settore Formazione all’Impiantistica  e  per ultimo in una multinazionale nel settore it technology quale responsabile  legale con mansioni relative alla contrattualistica,  all’ aggiornamento normativo interno, compliance, alla Privacy, alla Legge 231/01 Sicurezza sui luoghi di lavoro e  diritto societario. Da circa due anni svolge collaborazioni in Milano con Studi  Legali e Professionali in ambito legale e giurisprudenziale redigendo documenti e atti legali.

Lascia una risposta